Segreti di famiglia.

Lake Grove, Long Island, New York. Anno 1961.
In una villetta vivono marito, moglie e quattro bambini; il più piccolo si chiama Mike, ed è nato da soli 8 mesi. Una famiglia qualsiasi.
Ma d’un tratto il padre, George Carroll, che non aveva ancora compiuto 30 anni, scompare nel nulla.
I figli chiedono più volte alla madre “ma dov’è papà?”, e l’unica risposta che ottengono è questa: “vostro padre se n’è uscito dalla porta di casa dicendo che andava a comprare le sigarette, e non è più tornato”.


Gli anni passano e nulla di nuovo accade. Non una cartolina, non una telefonata.
I compleanni si susseguono tra la speranza di un gesto da parte del padre, e la tristezza di essere ignorati, cancellati dalla sua memoria.

Una volta diventati adulti, gli unici particolari che i figli riescono ad aggiungere al mistero del loro padre è che “forse è tornato in Corea” (era un veterano di guerra).
Altri in famiglia scherzano: “magari è sepolto in cantina”. Una battuta macabra, ma in famiglia si scherza anche così.

La madre non sembra nè addolorata nè arrabbiata. Dice solo di smetterla di parlarne, e così viene fatto.

Ma dopo più di 50 anni il più piccolo dei figli non si arrende, e nel 1993 riesce a comprare ufficialmente la casa d’infanzia dalla madre ammalata di cancro, per farne quello che vuole.
Mike decide davvero di scavare in cantina.

La casa dalla quale scomparì George Carroll.
La casa dalla quale scomparì George Carroll.



Per un uomo comune è un lavoro immane: Mike scava sotto la casa, ma è difficile perchè ci sono diverse colate di cemento, e poi bisogna stare attenti a non danneggiare muri portanti o le fondamenta.

Mike Carroll.
Mike Carroll, 57 anni.


Compra o noleggia quando possibile strumenti per rivelare anomalie nel terreno, contatta addirittura sensitivi. Uno di questi gli assicura che il padre è lì sotto, ed è stato ucciso con un forte colpo in testa.
Durante i faticosi tentativi di ricerca, sempre diviso tra la speranza di trovare i resti del padre e l’orrore che comporta quest’idea, gli viene un infarto.

Mike Carroll sotto il patio della sua casa d'infanzia.
Mike Carroll sotto il patio della sua casa d’infanzia.

E’ costretto a smettere, ma non si arrende.
Dice ai propri figli di continuare per lui. Pochi comprendono questa fissazione. Magari il padre è a spassarsela in California, con una nuova famiglia, e lui lì a rovinarsi la salute rimestando le fondamenta della casa d’infanzia.
“Questa faccenda sta diventando una fissazione Mike, ti stai ammalando.”

Mike Carroll coi suoi figli Michael Jr e Christopher.
Mike Carroll coi suoi figli Michael Jr e Christopher.



Ma invece i suoi figli lo assecondano.
E dopo tre anni emerge davvero qualcosa: sotto due metri di terra e cemento, ecco uno scheletro completo.

La polizia interviene in seguito al ritrovamento di resti umani.
La polizia interviene in seguito al ritrovamento di resti umani.



Il DNA è perfettamente conservato, l’attribuzione è certa: si tratta del corpo di George Carroll, deceduto in età piuttosto giovanile, verosimilmente proprio 50 anni prima.
L’autopsia sui resti mostra evidenti segni di trauma cranico provocati da un corpo contundente.



La madre (oggi morta) non ne aveva mai ufficialmente denunciato la scomparsa.
Quindi nessuno lo aveva cercato, nessun giornale ne aveva pubblicato la foto, nè data la notizia.
Mike ha continuato a chiederle se ci fosse qualcosa che doveva dirgli riguardo al padre, qualcosa per alleggerirsi la coscienza, e lui non l’avrebbe giudicata.
Ma la donna non ha mai aggiunto nulla al solito “smetti di chiedere, non è niente di importante”.

Dorothy Carroll, al centro, assieme ad alcuni dei suoi figli.
Dorothy Carroll, al centro, assieme ad alcuni dei suoi figli.


Poco tempo dopo la sparizione del marito, in casa era arrivato un altro uomo, un camionista, col quale poi si era sposata (e divorziata 4 anni dopo, buttandolo letteralmente fuori casa: sospettava che lui la tradisse.)
In seguito questi si era sposato con un’altra donna in Florida, ma era finita male anche con lei: fu emanata un’ordinanza che gli impediva di avvicinarsi alla ex moglie e il divieto di detenere armi da fuoco.
Più tardi si era trasferito in Messico.
L’uomo è deceduto pochi mesi prima che fosse rinvenuto lo scheletro di George Carroll.

Richard Darress.
Richard Darress.

Mike e i suoi fratelli hanno organizzato un funerale militare con tutti gli onori per gli ex veterani di guerra.
“Ci volevano far credere che papà ci avesse abbandonato, invece era sempre stato qui, con noi.”
Probabilmente gridando vendetta.

Lo scheletro è stato trovato dai nipoti della vittima il 31 ottobre 2018, proprio il giorno di Halloween. Come un macabro scherzo in famiglia.

informazione: il prossimo articolo del blog verrà pubblicato quando questo post raggiungerà i 5 like o 5 condivisioni. A presto!

Forse ti interessa anche...
28 novembre 1958: un giorno che in USA cade tra la Festa del Ringraziamento e
Marina Ciampi aveva 53 anni. Nonostante il nome -che a noi salta all'occhio come familiare-
Forse qualcuno di voi ha già letto del "primo serial killer di internet", John Edward
Il 10 maggio 1994 è il giorno in cui è stata eseguita la condanna a
Ci voleva una mente brillante quanto quella di Mariano Tomatis per aprirci gli occhi di

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *