Serie di omicidi con evirazione.

Negli Stati Uniti, in diverse aree geografiche, durante gli anni ’80 sono stati ritrovati dei cadaveri di giovani uomini con caratteristiche simili.
La vittimologia e le modalità dei delitti fanno pensare ad un unico serial killer, probabilmente un camionista o un commesso viaggiatore.

Wayne Rifender aveva 30 anni quando scomparve dal radar di ogni suo contatto o familiare. Nell’agosto del 1981 il suo corpo fu trovato alcuni chilometri fuori Williamsburg, Pennsylvania, completamente nudo, con il foro d’entrata di uno sparo dietro la testa, ed evirato.
Il pene non fu mai trovato, presumibilmente il suo assassino lo prese con se.

Marty Shook.
Marty Shook.

La seconda vittima nota è Marty Shook, di appena 21 anni.
Il 12 giugno 1982, quindi un anno dopo la scomparsa di Rifender, salutò la madre a Truckee, California, con l’intenzione di arrivare in Colorado facendo l’autostop.

Il percorso presumibilmente seguito da Marty Shook.
Il percorso presumibilmente seguito da Marty Shook.


Ma la mattina di due giorni dopo il suo corpo fu trovato da un pescatore vicino ad un canale, completamente nudo e con un colpo di pistola calibro 38 dietro la testa.
Dopo il decesso il suo assassino lo ha evirato e si è appropriato del macabro souvenir.
Purtroppo per la famiglia passarono due anni prima che il cadavere fosse ricollegato a Marty.


Il caso fu passato all’ FBI e nonostante gli sforzi non si riuscì a compiere alcun passo avanti circa l’identità del suo assassino.
Le analisi balistiche furono solo in grado di determinare che l’arma da fuoco era la stessa usata per uccidere Rifender.


Jack Andews aveva 26 anni quando fu ucciso più di 4 anni dopo, nel novembre 1986.
Il suo corpo fu trovato in una piazzola lungo una strada del Connecticut, avvolto in un lenzuolo, evirato.
In più gli erano stati rimossi i capezzoli, ed entrambe le gambe.
Anche se non erano visibili fori di arma da fuoco, le indagini si indirizzarono verso un collegamento con gli altri due omicidi.

Jack Andrews.
Jack Andrews.



Tutti e tre i ragazzi conducevano una vita abbastanza ai margini, avevano avuto piccoli problemi con la legge e si spostavano facendo l’autostop.
Del primo non è disponibile alcuna foto, ma tutti e tre erano giovani, minuti, di corporatura esile, capelli biondo-rossicci e occhi chiari. Probabilmente “il tipo” dell’assassino.

Il responsabile non fu mai catturato.
Si sospetta che le sue vittime, scelte ai margini della società, raccolte e abbandonate in luoghi random dell’intero paese, possano essere molte di più.

Come per il “Mostro di Firenze”, che ha colpito anche negli anni 80, le vittime venivano prima uccise con un’arma da fuoco, in seguito mutilate negli organi sessuali e capezzoli, in un’escalation di orrore; e non ci sono indizi precisi sulla destinazione degli organi rimossi.

informazione: il prossimo articolo del blog verrà pubblicato quando questo post raggiungerà i 5 like o 5 condivisioni. A presto!

Forse ti interessa anche...
David Richard Berkowitz, "the Son of Sam", in realtà era figlio di un italo-americano, un
(segue dalla parte 3) Fino ad ora ho deliberatamente lasciato in secondo piano la figura
L' 8 aprile 1992 una cliente entra in un negozio di scarpe a Indianapolis (Indiana).
Metà luglio 1992, NY. Un'operatore ecologico intento a svuotare i cestini vicino ad un garage pubblico
Quando un minore scompare, la preoccupazione e l'ansia sono letteralmente intollerabili. Le ricerche sono disperate;

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *